lunedì , 1 Marzo 2021

The day after

Circa quattrocento persone, cifra più cifra meno, hanno assistito ieri al comizio di Pippi Mellone in Piazza Salandra.

Il primo cittadino ha voluto portare in piazza il primo anno al comando dell’amministrazione comunale neritina e quanto ha in programma per il prossimo futuro: la rinuncia ai servizi cimiteriali della ditta Borgia, la demolizione di quella che sarebbe dovuta essere la sede del Comune in via Incoronata e la sistemazione del Gerontocomio.

Terminato il comizio, l’attenzione si è spostata fuori dalle mura cittadine. A Lecce, con la vittoria di Carlo Salvemini appoggiato da Delli Noci a Galatina con Amante ed a Galatone con Nisi che, però, è uscito sconfitto dalle urne a favore del candidato del PD Filoni. Quale sia stato il peso effettivo di Mellone nell’elezione dei neo sindaci di Lecce e Galatina è difficile dirlo. Di certo entrambi hanno potuto contare sull’appoggio del sindaco di Nardò.

A Nardò, intanto, è guerra di numeri. Da una parte gli oppositori che parlano di una presenza “ridicola” di persone al comizio, dall’altra la maggioranza che rilancia.

La verità, come al solito, pare stare nel mezzo. Considerando la “corazzata” di cui dispone il primo cittadino, ci si sarebbe aspettati sicuramente una presenza maggiore. Considerata, però, l’allergia dei neritini alle manifestazioni di piazza (che non siano sagre), l’aver portato un buon numero di persone ad assistere al comizio, appare comunque un buon risultato. Di certo non entusiasmante, come qualcuno vuol far credere, ma comunque degno di nota.

 

About Roberto De Pace

Guarda anche

Tutti contro uno!

Mentre il Sindaco Pippi Melllone ha già lanciato da tempo la propria campagna elettorale, schierando …